SGB Admin

La Società

Con la legge n.220 dell’11 dicembre 2012, “Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici”, l’amministrazione condominiale si è modificata, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012. Le nuove norme, in vigore dal 18 giugno 2013, hanno aumentato le responsabilità e le attività da svolgere all’interno degli stabili ed è in questa realtà  che nasce la SGB ADMIN.  Inglobando al suo interno persone qualificate e professionali in grado di garantire all’amministrazione condominiale una gestione globale del condominio, sia tramite servizi messi a disposizione in proprio o tramite consulenti di alta affidabilità e fiducia.

La SGB ADMIN è una realtà dinamica e competente che si propone di rispondere con professionalità e serietà alle nuove esigenze, riservando ai condomini efficacia, efficienza e trasparenza, elementi ormai indispensabili per una buona amministrazione.

Velocizzazione pratiche
65%
Problemi Condominiali
15%
Clienti soddisfatti
100%

Il nostro Team

Arch. Giovanni Bellizio

Amministratore Legale

Laureato in Architettura Urbanistica, con la passione della progettazione, la realizzazione e la gestione di spazi e servizi per la collettività. Ha eseguito la sua formazione di Amministratore presso l’associazione ANACI di Roma di cui è associato.

Ing. Marcellino Silani

Direttore Commerciale

Professionista multidisciplinare, con una esperienza decennale maturata in diversi campi d'attività. Durante la sua carriera professionale ha acquisito conoscenza in tutte le diverse fasi procedurali tecnico-amministrative instaurando rapporti consolidati con la pubblica amministrazione. Email: silani.sgb@gmail.com Cell. 328 3595874

"Una firma è un impegno. Per noi l'impegno è la nostra firma."

Servizi

Condominio Online

Condominio Online

La SGB ADMIN fornisce al Condominio la possibilità di attivare un proprio sito web o ritagliarsi uno spazio all'interno del proprio sito www.sgbadmin.it dove si potrà consultare la situazione patrimoniale, la gestione, gli avvisi, ecc.

Servizi Ordinari

Servizi Ordinari

Gestione amministrativa totalmente informatizzata. Apertura di C/C dedicato al Condominio. Riscossione delle quote condominiali (predisposizione bollettini, IBAN). Incontri programmati presso il Condominio.

Servizi Straordinari

Servizi Straordinari

Invio (e ricezione) di tutte le comunicazioni via email (su richiesta). Incontri programmati con i consiglieri. Pratiche per il recupero fiscale del 36% e/o del 55%. Predisposizione di capitolati e bilanci separati per le manutenzioni straordinarie.

Attivazione Nuovo Condominio

Attivazione Nuovo Condominio

Redazione Tabelle Millesimali. Pratiche per il rilascio del Certificato prevenzione incendi (CPI). Pratiche catastali, visure, variazioni catastali. Redazione Regolamenti di Condominio. Apertura C.F. e C/C condominiale. Passaggio di volture da cantiere a Condominio. Comunicazione messa in esercizio di nuovi ascensori. Nomina del "Terzo Responsabile" per manutenzione e letture di impianti di riscaldamento centralizzati. Previsione Bilancio Preventivo dell’anno ‘zero’.

Reperibilità

Reperibilità

Grazie all'uso delle più moderne tecnologie siamo in grado di essere reperibili con vari mezzi ed in qualsiasi luogo. Leggere email da smartphone e tablet, sito web, cellulare.

Richiedi il Tuo Preventivo Gratuito








Notizie

Quanti professionisti servono (concretamente) per una pratica di Superbonus 110%?

Dipende. Dipende dal tipo di lavori (se eco o se sisma), dal tipo di cantiere, dal numero di imprese, dalla presenza di vincoli normativi.

Non c’è un numero prefissato e ogni caso deve essere valutato singolarmente.

Un fatto però è certo: potrebbe anche bastarne uno.

Si proprio così, un unico professionista, se dotato delle abilitazioni e delle competenze necessarie, potrebbe seguire i lavori dalla A alla Z, occupandosi di tutto, dal progetto (architettonico, termotecnico e strutturale), alle asseverazioni, alla direzione dei lavori, all’accatastamento finale.

Un vero e proprio “solista” (eventualmente coadiuvato da un “collaudatore”) con il quale il committente avrà facilità a relazionarsi per monitorare l’andamento del cantiere e a discutere eventuali problematiche.

Questo in teoria.

In pratica il numero di professionisti tecnici che intervengono nelle pratiche edilizie, soprattutto se complesse come quelle legate ai bonus fiscali, è molto maggiore. In alcuni casi se ne possono contare una decina, tra ingegneri, architetti e geometri, suddivisi per specializzazione:

  • Professionista num.1: Progettazione architettonica
  • Professionista num.2: Progettazione strutturale (sismabonus)
  • Professionista num.3: Progettazione termotecnica (ecobonus)
  • Professionista num.4: Progettazione impianto elettrico
  • Professionista num.5: Pratica antincendio ove necessaria
  • Professionista num.6: Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione
  • Professionista num.7: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione
  • Professionista num.8: Direzione dei lavori generale
  • Professionista num.9: Direzione dei lavori strutturali
  • Professionista num.10: Collaudo statico
  • Professionista num.11: Variazioni catastali

Esiste un professionista responsabile?

Quella di separare i compiti in base alla specializzazione è una prassi che, da un certo punto di vista, offre garanzie al committente che, così facendo, si attornia di una equipe di soggetti esperti nelle specifiche materie. Un po’ come avviene in una sala operatoria, dove intervengono contemporaneamente anestesisti, chirurghi e rianimatori, ciascuno con un ruolo ben preciso.

Tuttavia in ambito sanitario deve essere sempre e obbligatoriamente nominato un “capo sala” che coordini le persone e i processi per garantire il raggiungimento dell’obiettivo.

Anche nei lavori svolti per gli enti pubblici deve essere, per legge, individuato un “dominus” che abbia il controllo di tutto ciò che avviene, nell’interesse del committente (lo Stato) e quindi di noi tutti. Questa figura è denominata RUP, responsabile unico del procedimento.

Nell’edilizia privata invece, non si capisce bene il perché, questa figura non esiste, non è prevista, non è obbligatoria, e non sempre le cose vanno come dovrebbero.

I problemi più ricorrenti

In ambito privato spesso i problemi nascono proprio dalla mancanza di coordinamento tra gli operatori. Può capitare infatti che un professionista faccia benissimo la sua attività ma, non coordinandosi a sufficienza con gli altri, determini dei “buchi” progettuali o delle sovrapposizioni che, in corso d’opera, possono risultare fastidiosi.

Di esempi se ne potrebbero fare molti. Delicatissimi quelli legati ai computi metrici, soprattutto se la pratica deve accedere al Superbonus, in cui occorre asseverare preventivamente gli importi. Il ponteggio è una delle lavorazioni che si presta a errori.

Ipotizziamo che una palazzina debba essere ristrutturata, con lavori antisismici esterni (ad esempio il rinforzo dei balconi e il rifacimento del cornicione) e che, al tempo stesso, debba essere fatto il cappotto termico in facciata (ecobonus).

È chiaro che il tecnico strutturista inserirà, tra le spese ammesse al beneficio fiscale di sua competenza, anche il ponteggio, necessario per svolgere le opere previste. Ma la stessa cosa farà anche il termotecnico, poiché senza ponteggio non si può fare il cappotto.

In assenza di una figura che si occupi del coordinamento delle varie attività progettuali e appositamente responsabilizzata in tal senso dal committente, non è scontato accorgersi della duplicazione della spesa ovvero, nel caso dell’esempio, dello stesso ponteggio portato in detrazione due volte (una con il Sismabonus e un’altra con l’Ecobonus).

Una garanzia per il committente

Questa figura di coordinatore che, come abbiamo visto, non è obbligatoria nel caso dei lavori privati, offre garanzie importanti soprattutto al committente (persona fisica o condominio), soprattutto se ci sono di mezzo i bonus fiscali.

Il coordinatore del progetto, che ovviamente deve possedere competenze specifiche e trasversali, avrà infatti il compito di supervisionare il lavoro svolto dagli altri e risponderà di questa sua funzione per gli eventuali danni che il committente potrebbe subire a seguito di errori non rilevati.

Chiaramente i compiti (e i compensi) del coordinatore dovranno essere dettagliati in un apposito disciplinare d’incarico.
Fonte: https://www.condominioweb.com/quanti-professionisti-servono-concretamente-per-una-pratica-di-superbonus.19365#2

LA REGOLARITA’ URBANISTICA (A ROMA) e SUPERBONUS 110%: è veramente superata?

Con il Decreto semplificazioni che ha concesso il diritto di fruire del superbonus 110% anche in carenza della regolarità urbanistica, tutti pensano che il problema sia stato automaticamente risolto; ma spesso si sottovaluta quella riserva espressa nei confronti degli Enti territoriali di accertare e sanzionare comunque l’eventuale autodichiarata irregolarità urbanistica, anche se sono fatti salvi gli effetti del superbonus 110%.

In particolare, poi, la dichiarazione che l’edificio sia stato costruito ante 1967, se fa salvi gli effetti civilistici dell’alienazione del bene, che sarebbe altrimenti intrasmissibile se irregolare urbanisticamente, non rende di per sé automaticamente regolare urbanisticamente l’edificio, in quanto l’obbligo di aver ottenuto una regolare licenza edilizia e quindi di aver costruito in conformità data indietro nel tempo fin dal 1934 ( a Roma).

Gli Amministratori di Condominio, in particolare a Roma, dovranno perciò prestare particolare attenzione alla sottoscrizione dei modelli predisposti dai tecnici con i quali si comunicano al Comune i lavori da eseguire sullo stabile.

Fonte: ANACI ROMA

L’IMPIANTO DI “MESSA A TERRA”. L’OBBLIGO DELLE VERIFICHE PERIODICHE E RESPONSABILITA’ DELL’AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO CONNESSE.

Per comprendere il problema legato agli obblighi dell’amministratore in merito ai controlli e alle verifiche imposte dalla legge (in materia di sicurezza), occorre esaminare gli aspetti normativi e giurisprudenziali.
Analisi normativa.
Allo stato attuale le principali norme legislative di riferimento sono:
D.lgs. 9/04/2008, n. 81 e s.m.i: “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” (integrato e modificato dal D.Lgs. 106/2008). Il D.Lgs. 81/2008, in vigore dal 15 maggio 2008, ha sostituito il D.Lgs. 626/1994 ed abrogato il D.P.R.547/1955.
D.M. 22/01/2008, n°37 “Regolamento concernente l’attuazione dell’articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività d’installazione degli impianti all’interno degli edifici”.
Tale Decreto, in vigore dal 27 marzo 2008, ha abrogato la nota Legge 46/1990.
Leggi tutto

OFFERTA DI LAVORO

Contabile studio amministrazione condominiale (pigc):

Dettaglio requisiti:

La società SGB Admin Srl specializzata in Amministrazione Condominiale cerca nuova figura per inserimento sede di Roma.

Leggi tutto

L’INCUBO DI TUTTI I PROPRIETARI DI IMMOBILI: LA VARIAZIONE DEI VALORI CATASTALI. ECCO COSA POTREBBE ACCADERE.

Un algoritmo porterà a definire le nuove rendite e i nuovi valori catastali. Per alcune tipologie d’immobili si presumono incrementi di circa il 200% o 300%.
 
I buoni propositi. Facendo seguito alle ultime raccomandazioni formulate all’Italia dalla Commissione europea che recita: “in Italia sono stati compiuti progressi limitati nel completare la riforma del catasto”, che in realtà era stata definita quasi del tutto ed era stata bloccata nel 2014, si riaffacciano i dubbi sul rispetto della clausola di invarianza del gettito con la definizione delle nuove regole di tassazione degli immobili.
 
Leggi tutto

SGB ADMIN

La casa, lo spazio, il suo valore. Con noi sono in mani sicure.

Testimonianze

Contattaci

Informazioni

    • SGB ADMIN S.r.L
    • Viale Giotto 24
    • Roma (RM)
    • Tel. 06 4456988
    • P.I. 13119311002
    • Email:
    • segreteria@sgbadmin.it
    • Posta Elettronica Certificata (PEC):
    • sgbadmin@cert.cna.it

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio